Awwwards

Instagram: l’alleato per le immagini del tuo brand

Come funziona Instagram? Il social network fotografico è usatissimo dai più giovani, e permette di creare in un lampo un canale di comunicazione diretto con i propri fan.

La presenza sui social network è un fattore decisamente rilevante per le imprese.

Senza dubbio Facebook (il social per eccellenza) e Twitter (il re dei messaggi brevi) sono due piattaforme su cui appare quasi scontato suggerire la presenza di un’azienda.

Ma ci sono anche social network che si focalizzano sull’aspetto visuale della promozione di un brand: stiamo parlando di Pinterest e Instagram.

Mentre il primo si può definire come un luogo virtuale per trarre spunto e offrire ispirazione agli altri utenti (principalmente utilizzato dalle donne), il secondo si presta particolarmente alla condivisione di scatti con i follower ed è quindi molto indicato per promuovere il proprio business.

Perché usare Instagram?

Grey Velur Chukka… ?: @luxuryshoemaker

Una foto pubblicata da Follow the Leather (@followtheleather) in data:

La piattaforma sociale che ha aperto i battenti nel 2010 vanta oggi circa 400 milioni di utenti attivi. I vantaggi che offre sono davvero molti, a partire dalla rapidità di utilizzo: è infatti possibile pubblicare un contenuto direttamente dall’applicazione nel giro di pochi istanti.

Questa velocità si ritrova anche nell’immediatezza dell’interazione con altri social: quando si posta uno scatto è infatti possibile condividerlo nello stesso istante anche su altre piattaforme come Twitter, Facebook, Flickr, Tumblr e Swarm.

Non solo: è possibile collegare i profili di altri social a quello di Instagram. Un modo utile per tenere collegate tutte le attività social dell’azienda.

Un ulteriore vantaggio di cui un brand può approfittare consiste nella presenza di un pubblico vasto ed eterogeneo. Questo aspetto permette di far conoscere il marchio a diverse fasce di target e, perché no, di allargare la propria clientela.

Guida rapida all’utilizzo di Instagram

@prada

Una foto pubblicata da Follow the Leather (@followtheleather) in data:

Il primo step è la registrazione: basterà inserire e-mail, nome e cognome e il nick che si vuole utilizzare e sarete iscritti.

L’app si aprirà sempre sulla homepage in cui si visualizzeranno i post delle persone che si decide di seguire. Questa schermata è indicata dall’icona a forma di casa nella parte inferiore dello schermo.

La seconda icona che si incontra è una lente d’ingrandimento: cliccandovi sopra verranno mostrati una serie di scatti proposti da Instagram che potrebbero ipoteticamente interessare in base alle persone che si è deciso di seguire. In questa sezione è possibile effettuare anche una ricerca specifica: puoi ad esempio cercare il nome di un’azienda concorrente per vedere qual è il suo comportamento su questo social.

Le due icone a destra sono un fumetto con all’interno un cuore – la sezione delle notifiche – e il tuo profilo. Soffermandoci su quest’ultima pagina, ti suggerisco di inserire il link del sito Internet della tua azienda nella parte riservata alla descrizione, cosicché le persone interessate potranno raggiungerlo più facilmente.

Il pulsante centrale che richiama una macchina fotografica è l’epicentro dell’azione vera e propria. Con un semplice click è possibile scattare una fotografia, girare un video oppure selezionare un elemento dalla galleria.

Il vero tratto distintivo di questo social è che offre la possibilità di modificare manualmente il contenuto che si vuole pubblicare: dalla luminosità al contrasto, dalla saturazione alla nitidezza, dalle ombre alle altre luci, eccetera. Non solo: si può anche applicare all’immagine o al video uno tra i quaranta filtri speciali per dare un tocco del tutto unico alle immagini.

Prima di pubblicare il contenuto si può infine inserire una breve didascalia e non dimenticare gli hashtag.

Già, cosa sono gli hashtag?

Si tratta di aggregatori tematici che permettono di essere trovati più velocemente dagli altri utenti.

Nel caso di un’impresa può essere utile creare un hashtag con il nome stesso dell’azienda: se ad esempio possiedi un shop di borse in pelle fatte a mano puoi pensare di utilizzare #leather, se gestisci un hotel puoi invece mettere ad esempio direttamente il nome della struttura, tipo #hotelbaccio.

Gli hashtag possono poi essere utilizzati per coinvolgere la clientela: i vostri clienti possono infatti scattare delle istantanee utilizzando il “cancelletto” scelto da voi. In tal modo, il vostro brand si diffonderà più rapidamente e sarà visto da un numero maggiore di persone.

Questi sono i principali aspetti che rendono Instagram la piattaforma ideale per supportare le campagne di visual marketing di un’impresa. Se ancora non l’hai provato, ti invito a scoprirne tutte le potenzialità.


Articolo scritto da:

Arianna Previdi è Social Media Manager di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online.
Dopo una carriera nel print marketing, Arianna ha studiato le dinamiche del search engine marketing per approfondire le molteplici opportunità di un loro utilizzo congiunto.

Nessun commento. Vuoi essere il primo?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: