Awwwards

Perché le infografiche sono utili per fare SEO

Le infografiche sono sempre più conosciute e utilizzate nel world wide web. Le statistiche di Google, infatti, mostrano come vi sia un interesse sempre crescente verso questa nuova modalità di presentare informazioni

Questo perché sono efficaci e molto utili nel comunicare concetti, idee, argomenti spesso complicati solo a parole, riuscendo a coinvolgere un pubblico molto più vasto di quello che un “semplice” articolo potrebbe fare.

Le infografiche sono state definite come rappresentazioni visive che hanno lo scopo di spiegare concetti complessi in modo più rapido e immediato. Non sono formate esclusivamente da icone, ma sono un insieme ben equilibrato e studiato di immagini e parole, organizzate in modo accattivante per attirare l’attenzione anche dei navigatori più distratti.

Se vogliamo dare un tocco di novità al nostro blog o variare il tipo di pubblicazioni, sicuramente questo costituisce un mezzo di comunicazione ancora innovativo, soprattutto perché tutto dipende anche dalla modalità con cui le realizziamo: qui fantasia e creatività hanno un raggio d’azione praticamente illimitato.

Un esempio di infografica che mi piace molto

infografica seo

Oltre ad essere un buon metodo per catturare l’attenzione degli utenti digitali, che di per sé è già un valido aiuto, vista la marea di notizie che popolano il web, è una buona pratica utilizzare le infografiche per fare SEO.
I contenuti principalmente visivi diventano virali a grande velocità, grazie all’immediatezza con cui il messaggio viene comunicato, sia a livello di comprensione del contenuto, sia a livello di tempo necessario per leggerlo. Il linguaggio visivo, infatti, veicola il contenuto con maggiore rapidità proprio perché l’idea è tradotta subito in immagine e i tempi di elaborazione si riducono notevolmente. Dunque, se creiamo un’infografica di qualità, che faccia presa sia per la sua grafica che per il tema trattato, questa sarà condivisa da un vasto numero di persone, cosa che genererà traffico verso il nostro sito o il blog.

Un’infografica, inoltre, può essere condivisa su altri siti o blog, inserita all’interno di articoli di altri autori, postata sui social network: ovunque venga pubblicata, indirizzerà gli utenti digitali (e tutti coloro che sono interessati) verso di noi.
L’informazione grafica, infatti, può essere riutilizzata anche da altri, purché ne venga citata la fonte (se ci si comporta con educazione); questo porterà ulteriore traffico e costituirà un backlink rilevante, soprattutto per i meccanismi della SEO.

I benefici SEO delle infografiche

L’infografica rimane in rete e quindi visibile e rintracciabile in qualsiasi momento e da qualsiasi punto del globo. Certo, si può dire che questo vale anche per un articolo; tuttavia il linguaggio visivo è più forte, non solo per la sua rapidità, ma anche perché riesce a raggiungere un pubblico nettamente più eterogeneo, visto il minor tempo di lettura che è richiesto. Ci sono poi i colori e le icone a far da padrone e a catturare l’attenzione degli utenti.

Grazie a questo modo di creare contenuti, potremo fare link building in modo naturale e spontaneo, seguendo le regole che gli algoritmi di Big G impongono; così facendo, aumenteremo il nostro ranking e la nostra web reputation, soprattutto agli occhi dei motori di ricerca.
Gli algoritmi di Google, infatti, premiano il nostro lavoro perché fatto in modo corretto (potrei dire leale, date le varie tecniche poco oneste che ancora vengono messe in pratica sul web).
Un’ottimizzazione del ranking porta anche ad un aumento del traffico verso il sito o blog (o landing page) in questione, per cui l’infografica è un mezzo che porta benefici su più fronti.

Come scegliere le infografiche

Ciò che conta è mettersi nell’ottica di creare materiale informativo di qualità, sia dal punto di vista del tema trattato, sia dal punto di vista estetico. Non è semplice realizzare un’infografica, se non si è un minimo esperti di grafica o di programmi appositi; proprio per questo dobbiamo impegnarci, così da essere apprezzati per il lavoro fatto e diventarne degli esperti. Essere un punto di riferimento all’interno del mondo digitale non è cosa da poco e rappresenta un ulteriore modo per accrescere la propria posizione.
Questo sarà importante anche durante una campagna seo, proprio perché accresciamo il nostro valore fornendo al pubblico virtuale informazioni utili e condivisibili.

Utilizzando questa modalità, creiamo e consolidiamo la nostra brand awareness. Questo può avvenire inserendo il nostro logo all’interno dell’infografica o più semplicemente grazie all’infografica stessa, al suo contenuto e alla forma estetica che le diamo.

Un lavoro di qualità, fatto con impegno e con l’intento di condividere le proprie conoscenze, avrà sicuramente effetti positivi e a lungo termine per la nostra attività e il nostro portale web.


Articolo scritto da:

GLoria Zaffanella, Social Media Manager di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online.

Nessun commento. Vuoi essere il primo?

Rispondi