Awwwards

La SEO per chi non sa cosa significa SEO

Il Web ha cambiato in meglio le nostre esistenze, fornendoci un rapidissimo e sofisticato strumento accessibile a tutti e che risponde con sorprendente precisione alle ricerche

Quante volte ci accade che, discutendo con un collega o un conoscente, ci scopriamo non sufficientemente informati su un argomento e ci precipitiamo sul primo computer acceso a digitare poche parole su un motore di ricerca?
Tiro ad indovinare: accade più volte durante il giorno e, senza per questo essere un mago, il motore di ricerca è quasi sempre Google, altrimenti detto BigG.

La percentuale di persone per le quali internet è il media principale sono in costante aumento, e nello stesso tempo aumentano le ricerche effettuate ogni giorno.
Basti pensare che solo in Italia, dove Google più ancora che in altri Paesi è il motore di ricerca più popolare, si stima che ogni giorno vengano effettuate 30 milioni di ricerche.
In tutto il mondo, in un mese vengono effettuate circa 90 miliardi di ricerche.

Con questi numeri impressionanti, è naturale pensare di voler adottare una strategia di web marketing. Le persone si collegano ad internet per ottenere principalmente tre cose:

  1. reperire informazioni
  2. scambiare opinioni ed interagire con persone (web 2.0)
  3. acquistare beni/servizi

Come utilizzare la SEO per inserirsi nell’enorme mercato globale?

Supponiamo di voler contattare un web designer freelance, che ci possa fornire una consulenza proprio sul tema del web marketing.
Digito la mia ricerca, ed in 0,33 secondi il motore di ricerca mi restituisce quasi 5 milioni di risultati, già inseriti in un indice da un software automatico denominato robot. Forse ho il tempo per visionare tutti i risultati? Certamente no! Guarderò quelli che sembrano più interessanti, scegliendo tra i primi 10 o al massimo 20 risultati.
google
Posizionare il sito web del tuo business nei posti più favorevoli di queste classifiche: questo è il compito della SEO (ottimizzazione sui motori di ricerca).

Il web marketing

Gli strumenti di web marketing si dividono in due grandi gruppi:

  • risultati organici; SEO, article marketing, persuasive marketing, social media marketing.
  • risultati a pagamento; adwords, circuiti banner, link sponsorizzati.

Maximdesign si focalizza principalmente sui risultati organici. In particolare, la SEO è una strategia molto proficua a lungo termine; comporta investimenti non di denaro, bensì di un poco di tempo per la realizzazione di contenuti e di un poco di tempo per lo studio delle regole del gioco. Queste sono stabilite da BigG in persona, il quale ne è arbitro e padrone e ha la facoltà di cambiarle dall’oggi all’indomani. La finalità di Google è di smascherare i siti che effettuano spamming e di privilegiare i siti che curano i contenuti con attenzione. Le variabili che si vanno a sommare sono tantissime.
Generalmente si ottengono buoni risultati se si applicano le seguenti strategie, in ordine di importanza:

  • si pubblicano nuovi contenuti;
  • si pubblicano contenuti di qualità pensati per gli utenti;
  • si pubblicano contenuti ottimizzati per i motori di ricerca.


Google punisce chi tenta di imbrogliare! Il Lato Oscuro in questo campo non permette di costruire un Impero! Diffidate da chi si professa un Black-Hat SEO, ma anche da chi vi garantisce posizionamenti sicuri.

Per quale motivo dovrei adottare una strategia SEO?

  • gli utenti preferiscono i risultati naturali; pressoché tutti gli utenti cliccano sui risultati organici, e meno di un terzo anche sugli altri. La gente comprende che i risultati a pagamento potrebbero non essere attinenti a quello che stanno cercando.
  • La SEO non comporta costi fissi; l’investimento per ottenere un posizionamento importante è il tempo per la stesura dei contenuti, ma una volta raggiunto si mantiene stabile per molto tempo.
  • La SEO ti accompagna lungo diversi obiettivi; che tu voglia più visitatori, più contatti o più vendite, un aumento della visibilità del sito è il primo passo da compiere.
  • Ti fornisce un vantaggio immediato sui tuoi concorrenti; un buon posizionamento sui motori di ricerca influisce direttamente anche i tuoi competitor, i quali potrebbero non aver ancora compreso l’importanza della visibilità online. Prenditi altro vantaggio su di loro finché sei a tempo!
  • I risultati della SEO sono monitorabili; a differenza di una campagna di volantinaggio o di cartelloni per le vie della tua città, tutto quello che accade sul tuo sito web è registrato. Puoi vedere, per esempio, qual è la regione da dove provengono maggiormente i visitatori, quanto tempo sono rimasti sul sito e cosa hanno reputato di maggiore interesse. Ciò permette di correggere il tiro per campagne future.
  • La SEO migliora l’immagine del brand; un business che utilizza gli strumenti SEO è percepito come sano, moderno, intelligente. Dovrebbero farlo tutte le aziende che dispongono più di cervello che di capitali!


Tanti concetti fin qui espressi possono sembrare scontati, ma io credo che la maggior parte di persone richieda ai proprio web designer dei siti che, per quanto funzionanti e gradevoli, non sono predisposti per raccogliere le meravigliose opportunità che il web marketing può offrire.

4 Commenti. Vuoi partecipare alla discussione?

  • Kono

    14 marzo 2012 alle 23:13 Rispondi

    Il SEO é sempre una zona d’ombra del mercato, in quanto cercare di alterare i risultati di ricerca e lucrare su questo é un’attività un poco al limite della correttezza. Anche DMOZ viene gestita in maniera anomala da finti volontari che in realtà sono web seo che inseriscono solo i loro clienti indipendentemente dalla qualità del sito, di fatto vanificando l’intera bontà del progetto. Comunque credo sia una eterna rincorsa che non finirà mai, guardate per esempio questo link:

    http://www.piusocial.com/ref.php?x=98

    scoprirete la nuova frontiera del seo

    • maxim

      27 marzo 2012 alle 13:45 Rispondi

      Sono d’accordo con te che migliorare il posizionamento di un sito internet possa apparire una strategia artificiale.
      Penso anche che l’algoritmo di Google venga costantemente migliorato a favore dei contenuti, e quindi la migliore strategia di SEO possibile sia pubblicare e diffondere articoli di grande qualità ma anche… non avere fretta! I risultati (e le visite) arriveranno di conseguenza.

  • Kono

    27 marzo 2012 alle 19:24 Rispondi

    Esatto, l’importante é immettere contenuti di valore, perché il traffico da solo non vale nulla, se poi il navigatore non si ferma a capire cosa vogliamo comunicargli

  • gabripoggiali

    17 febbraio 2014 alle 15:08 Rispondi

    @Kono ; Beh, la SEO più naturale possibile… è curare il sito nei minimi dettagli, dalla corretta impostazione del menù ai testi, la scelta delle parole giuste per arrivare al proprio pubblico, i tag “Alt” compilati in modo naturale davvero utile ad un eventuale navigatore non in grado di visualizzare le immagini. 
    E poi il codice chiaro e pulito, niente link rotti, segnalazioni delle pagine da non indicizzare perché magari hanno testi duplicati,e tante altre piccole attenzioni.
    Ci aggiungi un po’ di promozione (che è più che legittima direi), ed ecco che hai la SEO davvero fatta bene.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: